insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Wednesday, March 23, 2005

randagia malinconia e irriducibile vitalità

miss brodie pensa a volte che vince veramente chi si arrende, e non perché sottoscrive una filosofia disfattista, pur subendo il fascino del pensiero minimalista. se lo scopo della nostra vita è fare paura alla paura (come crede miss b) allora si può - si deve - essere contenti di quello che non si ha. E' l'ottimismo a ucciderci (Caraco) e l'incapacità di guardare sufficientemente a lungo le cose intorno a noi perché il nostro sguardo rifletta immagini autentiche e non già immagazzinate e la mente nutra splendidi pensieri non già pensati.

invece quanta paura di soffrire, di restare soli con i nostri pensieri, di non essere amati: ma il dolore si consuma tutto e in una volta sola, e ogni volta si rinnova per intero per noi, del tutto nuovo per quanto familiare. è da esso che dobbiamo trarre "that White sustenance - Despair" (Dickinson).

5 Comments:

At March 23, 2005 7:42 pm, Blogger liseuse© said...

Finalmente so dove sta avi di casa! In bocca al blog, dunque!
Sono molto imbarazzata, perché confesso che ero convinta tu fossi un uomo (devo ragionare sul motivo, temo di averlo perduto).
Ciao da FF
(ho dovuto usare il mio account su blogger che credo non corrisponda a nessun blog praticabile)

 
At March 24, 2005 12:26 am, Blogger liseuse© said...

...mah, ripensandoci bene, il motivo l'ho ritrovato. Oh well, it's no use crying over spilt milk. Torno a bamboleggiare altrove.

 
At March 24, 2005 10:38 am, Blogger miss brodie said...

love your comments, FF by the way sai che non dovresti usare qusta sigla cara frenetica nonché fannullona postillonaria (ma non ci credo neanche un po', sono sicuro che se fai la traduttrice devi essere dotata di una carica absburgica di energia) nei circoli da me frequentati (molto alla lontana, neh, miss b è pur sempre una maestra, se anche non gozzianamente pudibonda)sta per fistfucking (lungi da me volr renderti edotta sugli arcani significati di tqle pratica che sta ahimé prendendo sempre più terreno anche qui in Europa dopo aver furoreggiato negli Stati Armati d'A.

 
At March 24, 2005 10:40 am, Blogger miss brodie said...

quanto alla gender question: sono un uomo e per molti (non tutti ) anche maschio, ma credo che la virilità si misuri da altre caratteristiche più che da una desinenza vocalica della nostra bella lingua destinata a estinguersi intorno al 2060 o giù di lì...

 
At March 30, 2005 9:01 pm, Blogger liseuse© said...

Oh caro Avi, eccomi, sono dovuta scappare in Austria un pochetto per riprendermi dal latte versato! :-)
Erm, se mi dici così (strano che non me lo abbia fatto notare Stefano!), temo che dovrò abbandonare anche le sigle della fannullona frenetica. Infatti, ho una teorica idea di cosa significhi quel termine su cui ha steso un timido velo.
Circa il genere sessuale, Avi, il mio cruccio era solo scegliere tra la "a" e la "o", tutto il resto è un mondo incommensurabilmente più ampio, concordo con te. Ma non dirmi però che l'italiano si estinguerà: non ci voglio credere! Nel 2060 avrò circa 90 anni, spero di poterti dare torto :)

 

Post a Comment

<< Home