insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Monday, June 20, 2005

queer jews

Miss B è ebrea. E anche gaya. E comunista (marxista non leninista, veh !). Il weekend appena passato, oltre a immergersi nella lettura, l'ha vista ricevere la visita delle sue maturande per un thè e quattro chiacchiere. Questo le ha fatto pensare che senza gli ebrei e le cule e i comunisti il mondo della cultura sarebbe di molto povero. Non che miss Brodie accampi meriti millantati per la pura appartenenza alle categorie sopra citate, no: ci sono già troppe pazze in giro a giustificare (?) la propria omozozzualità rifacendosi alla sessualità di pittori e scultori, loro che al massimo tengono in mano un pennello per fare un po' di polvere o uno scalpello per tranciare il pollo a pranzo.

Miss Brodie è contenta di essere ebrea per un altro motivo: nelle famiglie ebree, anche le più povere e meno fortunate socialmente, si cresce a pane e libri, si impara a avere rispetto della parola, del testo scritto, e si diventa critici quasi per osmosi, visto che ogni due ebrei ci sono almeno tre opinioni. La congerie di parole e pensieri che sommerge l'umanità nel mondo della comunicazione 24/7 viene analizzata costantemente, per non farsene travolgere, perché nella tradizione ebraica si insegna a chiedersi il perché di ogni parola fino all'ultima virgola del testo "sacro".

Quanto all'aspetto religioso, miss Brodie, come il 50% o più degli ebrei, è atea. Forse per qualcuno questo sarà uno choc, ma non deve suonare più blasfemo di quanto non lo sia in realtà. Come scrive Emily, "we pray to a god that doesn't exist", e questo perché essere ebrei significa in primo luogo osservare l'ortoprassia, prima dell'ortodossia. Non è tanto questione di credere a certi dogmi quanto di osservare certi precetti pratici: non importa che tu non creda in d*o, ciò che conta veramente è che tu non mangi majale e non lavori al sabato. Essere ebrei è seguire prima di tutto un certo numero di regole (613 per la precisione, di cui 365 positive - cose che si devono fare - e le rimanenti negative - cose che non bisogna fare) la prima e la più importante è quella della procreazione ("crescete e moltiplicatevi"), molte altre riguardano le regole alimentari ("astenetevi dai cibi impuri").

Se qualcuno è gia pronto a accusare l'ebraismo di formalismo e di osservanza di regole senza senso, miss Brodie, pur non volendo qui fare un minitrattato di esegesi talmudica, ricorderà che su tutte queste regole prevale il principio del piquach nefesh, la salvezza dell'anima, l'applicazione del precetto "uvachartà bachajim", sceglierai la vita, l'idea cioè che è fatto obbligo a ogni ebreo/a di trasgredire qualsiasi altro precetto se necessario per salvare una vita. Quindi mangiare majale è non solo permesso ma addirittura obbligatorio se non mangiarlo può mettere in pericolo una vita. Dunque non è questione di fariseismo o di rispetto della lettera a scapito dello spirito, come Paolo di Tarso voleva far intendere, quanto di ricordare, tramite regole di vita puntigliose e severe, a ogni ebreo/a la propria identità.

A questo punto miss B si collega con un altro aspetto della sua identità, la propria gayetudine, o omozozzualità che dir si voglia. Miss B è molto "out", con tutti, compresa la preside della sua scuola, le sue allieve e praticamente chiunque incappi nel suo cammino. Ma proprio per questo non è così sicura che la strada scelta dal movimento delle cule sia quella giusta. Certo, è sacrosanto che tutte le persone abbiano all'interno di una società esattamente gli stessi diritti - e per questo si è battuta e si batte, anche andando al gay pride sventolando bandiere e con il culo da fuori - ma se la sessualità diventerà una questione privata, se verrà ridotta alla stregua di una preferenza per la coca-cola invece che per la pepsicola, crede che la società ci perderà, sarà più povera. Essere gay deve poter significare non essere nella massa, essere "diversi" dalla massa e essere diversi "per" qualcosa che la massa non può né concepire né produrre. La sessualità è un fatto politico e se deve ridursi a una questione personale per permettere a delle cule sfrante di mettersi un abito bianco e di farsi tirare il riso addosso avremo combattuto per un idolo e non per un ideale e le nostre battaglie saranno servite a delle frocie con una normosessualità di facciata per tutelare i loro diritti di individui a metà accoppiati per avere sconti fiscali e un mutuo a condizioni vantaggiose. Non era per questo che miss B sventolava la sua bandiera e andava in giro a fare la sderenata.

Ebrea e atea, fiera della propria diversità pur nella rivendicazione dell'eguaglianza dei diritti, consapevole e soddisfatta delle proprie contraddizioni, così si vuole la vostra miss Brodie.

15 Comments:

At June 20, 2005 8:17 pm, Anonymous Anonymous said...

Miss, sono una delle sue maturande. e in particolare quella alta alta che l'ha pure vista al pride (e lei manco mi ha notato... beh,la perdono). volevo solo dirle che da quando ho scoperto del suo sito la stima che nutro nei suoi confronti cresce di ora in ora... guardi, la aggiungerò ai miei miti viventi. d'ora in poi crederò solo in lei e in Madonna (anche se alla Ciccone farebbe bene frequentarla per un po'... altro che kabbalah).

 
At June 20, 2005 8:25 pm, Anonymous Anonymous said...

MA XKE PUR AVENDO LASCIATO UN COMMENTO NON COMPARE SUL SITO MA SOLO QUI??? HA DECISO DI CENSURARMI?

 
At June 21, 2005 10:10 am, Anonymous vertesprit said...

"xke" nel situ della miss? urge rito purificatore, che ne dite di un bel rogo di smaturanda? o la perdoniamo perchè crede nella madonna danzerina? miss brodie parli lei dall'alto della sua saggezza, dobbiamo accettare che i segni cambino? devo ammettere che qualche volta pecco anch'io e scrivo x per per ma solo sulla telefonina, è un arrendersi alla barbarie?

 
At June 21, 2005 6:21 pm, Anonymous Anonymous said...

il mio era solo una reazione istintiva dovuta alla momentanea delusione nel non vedere esposto il mio commento... si tratta solo di impazienza giovanile... e comunque a un fan di Madonna bisognerebbe perdonare tutto.

 
At June 21, 2005 7:18 pm, Anonymous Anonymous said...

la classe non va mai in vacanza...

 
At June 21, 2005 7:24 pm, Anonymous Anonymous said...

e le concordanze anche, in genere

 
At June 21, 2005 9:00 pm, Anonymous Anonymous said...

BAH... prendersela con un povero diciottenne accablé dalla maturità... non è molto onesto... per degli errori di stompa, poi...

 
At June 22, 2005 3:16 pm, Blogger miss brodie said...

miss brodie rejoices at the apparition of a student from her special set, though she blushes at being in the same company with Madonna.

piano con la pedanteria, vertesprit, miss b è già pedante di suo. e ora che è assurta al rango di star cercherà di essere più comprensiva.

la studenta smaturanda è la migliore in inglese (ha avuto 10 in pagella l'anno scorso) e di sicuro non è una sprovveduta. anzi, l'intuito di miss b le fa dire che ne sentiremo presto parlare.

M.Z., datti da fare e comincia a pubblicare, perché scrivere hai già scritto, miss b sa tutto.

 
At June 22, 2005 6:02 pm, Blogger liseuse© said...

Quanto mi piacciono i suoi neologismi-missbrodiesmi :)
(e visto che sono una lettrice coscienziosa, anche io ho prenotato il libro da cui lei ha preso il nick, MissB, che finora era scappato alla mia ingordigia - così sarò preparata anche io come rose :))

 
At June 22, 2005 7:35 pm, Anonymous Anonymous said...

Da aspirante Carrie Bradshaw qual io sono, le confesso che è vero che scrivo... ma pubblicare non so se mi convenga. anche perché scrivo soprattutto canzoni... per raggiungere anch'io il livello della Maddy. vorrei solo sapere come lei fa a esserne a conoscenza. chissà. (e comunque, il 10 c'è anche quest'anno)

 
At June 22, 2005 9:51 pm, Anonymous vertesprit said...

Sto invecchiando se anche miss brodie mi rimprovera per aver sparato sulla gioventù... ma la domanda iniziale non era retorica. Probabilmente finirà come tutto il resto (taluna grammatica) ma questa abitudine all'uso di una grafia compattata mi è antipatica tanto quanto l'inflazione degli acronimi francesi. Sarà la vecchiaia. Good nite
PS per l'ego della miss: anche a me è arrivato il libro del nick, presto sarà nella piglia dei libri da leggere

 
At June 25, 2005 2:25 pm, Anonymous Anonymous said...

Questo post è fenomenale. Come il resto del Blog.

gomitolo
(agomitolo.splinder.com)

 
At June 27, 2005 7:32 pm, Blogger miss brodie said...

benvenuto gomitolo, la miss si commuove quando legge i commenti di nuovi utenti: sono così pochi! eh, we happy few...

vertesprit, la miss è iperconservatrice quanto a grafia e calligrafia (sapesse le battaglie in classe!) come può vedere dai varij plurali maschili dittongati e altre amenità del genere bujo e ajuto. ma è una lotta contro i mulini a vento e miss B non ne può più di essere donchisciottesca.

 
At June 27, 2005 8:26 pm, Anonymous Anonymous said...

miss, sono sempre io. la carrie, ovvero la maturanda (im)matura che lei ha sapientemente ridotto a due iniziali (manco kafka). mi toglie una curiosità? come fa a sapere che io ho scritto cose da pubblicare? gliel'ha forse suggerito il mio quasi ex professore di italiano, per caso?

 
At June 28, 2005 2:25 pm, Blogger miss brodie said...

No, M.Z., miss brodie non fa pettegolezzi con gli altri insegnanti, men che meno con il collega di italiano. la miss però usa la sua intuizione, che non è da poco se scusate la vanità.

 

Post a Comment

<< Home