insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Thursday, October 05, 2006

Pagine di diario (Sognando Busi)

NB: Le allieve della Miss sono tenute a non leggere questa missiva. Per il loro bene. Remember: curiosity killed the cat !

Certe mattine, come oggi, quando mi sveglio e mi sento vivo nel mio sentirmi totalmente solo, percepisco la grazia di capire le ragioni della mia solitudine.
Nonostante tutti gli sforzi, so che sarebbe andata così, e lo so da sempre.
Non erano timori infondati quelli dell'adolescenza brada all'insegna della fuga verso un non-dove e sempre e solo lontano-da. Quanta parte in questo abbia avuto la mia indole e quanta la mia educazione familiare non è dato sapere, e forse nemmeno importa veramente, visto che in ogni caso ciò che conta è quello che ognuno di noi fa con gli ingredienti che ha avuto in sorte.
Non sono esente da colpe e non me ne esimo, e tuttavia una certa innocenza penso di poter sfoderarla: io, perlomeno, mi sono sforzato di cercare gli altri, gli altri al massimo non mi hanno sbattuto la porta in faccia, ma a cercare me non è mai venuto nessuno. Che abbiano o abbiano avuto i loro buoni motivi è un'altra storia.
Vivo così, senza perché, pieno di tutta l'energia, di tutto l'entusiasmo che proviene da una sorgente tanto intima quanto segreta e che tante invidie ha suscitato e suscita. Quanto a lungo ancora riuscirò a darmi carica da me stesso non lo so, ma non potrà essere per sempre, prima o poi si esaurirà, tutte le scorte di buon umore e di buona disposizione verso l'universo mondo dovranno un giorno pur finire.
Ma tant'è, per ora va, vado avanti così, intimamente felice di guardare la bellezza di un fiore bianco, di ammirare il tersore del cielo, di godere intellettualmente di un pensiero sublime e fisicamente di un verso perfetto... solo da solo perché questo è il destino di ogni essere senza destino.

Labels:

10 Comments:

At October 06, 2006 2:15 pm, Anonymous Babsi said...

Io credo tu sia una persona meravigliosa.

 
At October 06, 2006 3:23 pm, Blogger miss brodie said...

babsi, ma sei tu stupenda! eh, quante ne abbiamo passate tutte e due, eppure chissà, questa forza che non serve a niente avrà un suo senso recondito che un giorno si farà esplicito.

 
At October 07, 2006 1:16 am, Anonymous Anonymous said...

Per andare avanti ,a volte, bisogna pensare di essere maestri jedi.

Spero che comprendiate ,al di là della citazione.

 
At October 07, 2006 11:32 am, Anonymous miss p. said...

spero di non averti regalato il libro sbagliato nel momento sbagliato....
credo che le anime elette non possano mai esaurire la propria fonte di energia, che le autoalimenta si, ma anche benefica il mondo di una luce calda, potente...bellissima.

 
At October 07, 2006 3:16 pm, Anonymous Portsmouth said...

Ehi, Miss, we can't miss you.

Portsmouth

 
At October 12, 2006 7:45 pm, Anonymous Anonymous said...

La solitudine di chi è solo consiste nel non saper amare gli altri. La solitudine di chi ama consiste nel non essere solo, MAI.
What matters it, that, all around,
Danger, and guilt, and darkness lie,
If but within our bosom's bound
We hold a bright, untroubled sky,
Warm with ten thousand mingled rays
Of suns that know no winter days?
Con affetto, Sandy.

 
At October 12, 2006 8:35 pm, Anonymous Anonymous said...

Komdu Sæll

 
At October 13, 2006 11:03 pm, Anonymous vertrayon said...

la radiosa solitudine

 
At October 26, 2006 1:28 am, Anonymous Alcyone said...

...in quest'ora il mio genio è la mia solitaria fosforescenza.
(G. D'Annunzio)

 
At October 27, 2006 1:53 pm, Anonymous bocciata said...

come spingere le persone a leggere qualcosa:dire di non leggerlo. lei è furbo come una faina

 

Post a Comment

<< Home