insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Tuesday, April 26, 2005

amore di (madre)lingua

il titolo di questo post andrebbe scritto in latino ma miss b si sarebbe attirata non si sa quanti insulti nonché accuse (ingiustificate) di snobismo. il fatto è che il genitivo latino può essere soggettivo o oggettivo (interno o esterno se si preferisce) e quindi sarebbe stato chiaro a chiunque senza bisogno di nojosi preamboli che miss b si riferisce qui all'amore per la madrelingua da parte di chi la parla (con senno, considerazione e consapevolezza) amore ricambiato dalla madrelingua stessa che ci fornisce le idee insieme ai suoni.

miss brodie ha approfittato dei passati giorni per studiare, in particolare filosofia e storia (letteraria e non). Il testo che l'ha avvinta e che consiglia - di agevole lettura - è E Severino, Nascere che risulta particolarmente interessante alla luce degli ultimi avvenimenti e dei quesiti che tuttora ci confrontano: la potenza mediatica della morte di un capo religioso, il dispiegarsi del potere di un gruppo di sedicenti religiosi tesi all'affermazione temporale e alla dimostrazione della loro potenza, l'ignoranza che ancora avvolge molte menti intorno ai temi della fecondazione assistita e della manipolazione genetica e più nello specifico le implicazioni filosofiche e politiche che ne derivano. Un altro testo di cui consiglia la lettura è l'editoriale di Antonio Polito su "Il Riformista" del 24 aprile 2005, che riassume posizioni con cui miss b concorda in toto.

Durante questi giorni di riposo miss brodie è stata tuttavia depressa dalle notizie che ascoltava alla radio: la protervia di certe dichiarazioni di esponenti politici e religiosi (di varie parti non solo di una), la sensazione che la RAI Radiotelevisione italiana sia un letamajo/vespasiano che non conosce fondo di abiezione (ha censurato la chiesa valdese vietandone la diffusione degli spot adducendo pretestuose giustificazioni), il genocidio degli armeni che è passato praticamente sotto silenzio, come sempre.

Miss Brodie crede tuttavia che tutto ciò sia indegno persino del suo disprezzo per cui si limiterà, ancora una volta - e speriamo che sia l'ultima, cosa improbabile visti gli incresciosi episodi che si susseguono - a esplicitare il suo credo:

A nessuno deve essere consentito - e men che meno a qualcuno che si erge a portavoce di un "Verbo" - di infrangere impunemente il patto tacitamente sottoscritto fra parlanti una stessa lingua: che a identico referente corrisponde identico segno linguistico. Qualunque patto inteso a minare tale tacito accordo è di natura CRIMINALE in quanto scardina il senso delle parole dal senso delle cose perché trasferendo la lingua nel regno degli argot criminali e mafiosi rende il mondo illeggibile e la lingua stessa incomprensibile.

2 Comments:

At April 27, 2005 10:17 pm, Anonymous diego galli said...

uniamo le forze per sconfiggerli con il referendum! se ti va aderisci con il tuo blog alla campagna lanciata dal comitato promotore su http://www.4si.it

 
At April 29, 2005 12:33 pm, Blogger miss brodie said...

hello diego galli, miss b è totalmente a favore dei referendum e dei sì e anzi trova scandalosa la decisione della Consulta di rigettare la proposta di referendum sull'abolizione integrale della legge 40 (con pretestuose motivazioni - ma l'Italia è la patria del gesuitismo e della cavillosità, no ?). tuttavia miss brodie crede che il suo ciberdiario debba restare una palestra delle idee e non trasformarsi in una piattaforma per manifesti politici, per quanto ne condivida le ragioni.

 

Post a Comment

<< Home