insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Friday, September 16, 2005

milano città malata

La Brodie ha la ventura di abitare in quella che è considerata la metropoli più europea d'Italia. A volte, confessa, preferirebbe abitare in una città meno europea e più vivibile, con più verde, più piste ciclabili, meno traffico, biblioteche più fornite e maggiormente accessibili e la lista potrebbe continuare per un bel po'...

In realtà Miss Brodie ama molto Milano proprio perché è una città che non si lascia facilmente amare, ha, come Trieste, una sua scontrosa grazia e riserva sorprese a chi sa guardarla e soprattutto scoprirla con occhij privi di pre-giudizio. Architetturalmente si può dire che sia ineguagliata in Italia per la versatilità di stili e la varietà di ricerca achitettonica che la molteplicità dei suoi edifici sottintende. Certo, le manca l'impatto grandioso e monumentale delle grandi capitali come Roma, Parigi o Londra, non ha la grazia di piccole capitali quali Torino, Mantova o Urbino, né il fascino o la bellezza delle grandi città d'arte come Firenze, Venezia o Praga, e nemmeno la sublime malinconia di città che in passato sono state veramente grandi, come Napoli, Genova o Palermo. E' un non-luogo che, al contrario, detesta mettere in mostra i suoi lati migliori e spesso li umilia o li minimizza, quasi ritenesse superfluo annunciare ai forestieri le proprie doti: preferisce invece venire scoperta, come una bruttina stagionata dal fascino nascosto.

Tuttavia non si può nascondere che l'impatto che uno ha è negativo: l'immagine che prevale è quella dell'abbandono, del degrado, della corruzione. Le cose sono peggiorate negli ultimi anni: la manutenzione delle strade, del verde pubblico, degli edifizij di pubblica utilità si è ridotta a mera apparenza, una filosofia di salvare il salvabile e lasciare tutto il resto allo sfascio o meglio alla deriva.

Inutile per la Miss impalcarsi a giudice o a sociologa, ma è chiaro anche ai più superficiali che Milano è ormai un involucro vuoto. La borghesia imprenditoriale che ne era - e che sempre ne è stata - l'anima non vive più la città, al massimo mantiene ancora qui la residenza di rappresentanza, o un appartamento di riserva da usare quando si è fatto troppo tardi a cena, alla sfilata, a teatro e non si vuole rientrare nella villa in Brianza, o sul lago, o in Riviera. Le persone ricche non mantengono la residenza in città e dunque non vi pagano le imposte comunali, ma soprattutto non hanno nessun interesse a che la città sia bella, vivibile e presentabile, a parte i pochi scorci pittoreschi in cui si congregano tra un cocktail e un défilé, un'uscita da Gae e un salto da Prada per l'ultima borsetta.

Bisogna arrendersi all'evidenza che Milano, per quanto ricca di intelligenze creative e vitalità culturale, non è più, in nessun senso la capitale morale di questo screditato paese e che da questo degrado non si solleverà, essendo entrata in quel vortice di declino che ci ricordano città un tempo floride e brillanti. Non è neanche una New York italica, perché qui tutto è Bronx e niente Manhattan. Resta solo la polvere.

Benché Miss Brodie ami molto il degradato e il fatiscente, la decadenza, le terre di margine, sta pensando che è ormai troppo pure per lei. Accetta consigli per eventuali spostamenti della sua tenda, perché per sua natura è nomade e zingara.

8 Comments:

At September 16, 2005 4:53 pm, Blogger vendita galline KM 2 said...

Io consiglierei a Miss Brodie di rimanere lì, siccome Milano è pur sempre una metropoli, e da metropoli è la sua offerta, fatta eccezione per verde e piste ciclabili. Chi ha vissuto in una metropoli è difficile che si abitui a una cittadina, al massimo va a vivere fuori città ma con la metropoli a portata di mano.

 
At September 16, 2005 6:18 pm, Anonymous Endimione said...

La Valduga dice che "nessun Berlusconi riuscirà mai a rovinare la bellezza di Milano", e aggiunge che quando si sente però offesa dalla sua scontrosità, per consolarsi si rifugia sotto le finestre di Pollini. Io non so dove abita Pollini (o ci andrei pure io a trovare ristoro, sperando magari, chissà, di sentire qualche nota di pianoforte), ma consiglio alla miss e a chiunque abiti questo luogo difficile e estremo di trovarsi una meta che assurga a Mecca personale: luogo magico di salvazione, sboccio simbolico subito richiuso ma che, si spera, ci medicherà per un po' col suo profumo.

 
At September 16, 2005 8:02 pm, Blogger liseuse© said...

Off Topic
(perché di Milano non voglio più parlare, una città lasciata è persa, soprattutto se si chiama Milano)
Qualche tempo fa hai scritto un post On being a teacher. Nei commenti ti ho scritto "che bello" blabla. TU hai replicato:
"grazie lisosa, ma la miss deve rileggersi alcune sue missive del passato prima di poter concordare."
Io, ça va sans dire, non ci ho capito niente, e ho scritto:
"che vuol dire che devi rileggere le missive, Avi? dici che ne hai scritte di meglio? A volte sei davvero criptico per me... :("
E sto ancora aspettando che sorga il sole anche da queste parti in campagna, insomma!
lis.

 
At September 17, 2005 11:24 am, Anonymous Trespolo said...

Miss, ti consiglio le colline dell'entroterra gardesano: le case hanno ancora prezzi umani, che la speculazione non ci è ancora arrivata, e il posto è stupendo.

Buon fine settimana. Trespolo.

 
At September 17, 2005 4:36 pm, Anonymous Ragazzoinfernale said...

Miss Brodie.Non so.per quello che ho avuto modi di vedere di persona tutte le città per quanto bene riescano a farlo nascondono degli aspetti sgradevoli.Per non dire drammatici.A prima vista la scelta migliore sembrerebbe davvero quella di ritirarsi in un eremo.Magari a passare il tempo a leggere e distillare liquori.Però come sottolinea Totenzanz non so se si riuscirebbe a farci l'abitudine.Forse l'unica soluzione è quella di proseguire con dei compromessi più o meno metropolitani.Più o meno felicemente.

OT:il Ragazzoinfernale è arrivato qui seguendo la scia lasciata da una frase pronunciata tra una conversazione sull'Africa e una sui ristoranti giapponesi.Era abbastanza certo del luogo in cui si trovava.O meglio.Lo sarebbe stato se non fosse stato per via della sua consueta paranoia.

 
At September 20, 2005 1:23 pm, Blogger miss brodie said...

E' vero Lisosa, la miss non ti ha risposto per dimenticanza, ma tra un collegio docenti e una riunione dipartimentale e i compiti e le lezioni non ha avuto tempo di riguardare, cosa che si promette di fare al più presto - qualche sua missiva di qualche mese fa, e forse le darà ragione.

 
At September 20, 2005 1:24 pm, Blogger miss brodie said...

il ragazzo infernale sarà presto nel Brodie set.

 
At September 20, 2005 1:26 pm, Blogger miss brodie said...

grazie a tutti per i saggi consigli. miss brodie ha già identificato il luogo in cui ritirarsi, è minuscolo ma vicino a una grande città che non è una metropoli ma ha tutti i comfort, soprattutto tre belle librerie (di cui due indipendenti). per ora purtroppo non può lasciare la metropoli padanoabsburgica, ma chissà, a volte il destino...

 

Post a Comment

<< Home