insegnaci ad amare la nostra pazzia

Du, lass dich nicht verhaerten in dieser harten Zeit- Du, lass dich nicht verbittern in dieser bitteren Zeit (Wolf Bierman) Che pretesa essere amati da adulti se non ti hanno mai amato da bambino (A Busi) Hvad man ikke har haft som barn, faar man aldrig nok siden af (Tove Ditlevsen) To live without hope, to work without love (Virginia Woolf)

Sunday, December 10, 2006

Fantasmi d'amore

Di lui che cosa amavi ?

Di lui amavo la semplicità. Perché non mi ero accorto che era pieno di furbizia. Di lui amavo la genuinità. Perché non mi ero accorto che era artefatta. Di lui amavo il senso pratico. Perché non mi ero accorto che aveva la testa piena di speculazioni vane.

Ero io ad essere semplice, nella mia variegata complessità, io ad essere genuino nella mia assenza di spregiudicatezza, io ad essere pratico, col mio voler cercare una soluzione a ogni problema.

Perdendo lui ho trovato me, il mio io più vero e recondito, e quella che sembrava una sconfitta si è rivelata poi una ricchezza.

Labels:

2 Comments:

At December 10, 2006 1:32 pm, Blogger albi said...

... la ferita dei "non amati"... ci vorrebbe un atto di psicomagia collettivo ...

 
At December 12, 2006 3:43 pm, Blogger miss brodie said...

i non amati e le non amate non hanno bisogno di psicomagie, ma di tanto realismo: non è facile disintossicarsi dalle dosi massicce di romanticismo quotidianamente pompate nelle giovani menti di miliardi di bambini e bambine ignari e ignare dell'economia di mercato dei sentimenti.

 

Post a Comment

<< Home